Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

'Classic Reloaded del MAXXI'

Data:

29/11/2018


'Classic Reloaded del MAXXI'

La collezione MAXXI diventa ambasciatrice di dialogo tra i popoli e strumento di diplomazia culturale perché anche attraverso l'arte si possono gettare dei ponti, contro ogni chiusura e nazionalismo. E' la mostra 'Classic Reloaded.Mediterranea', a cura di Bartolomeo Pietromarchi, direttore MAXXI Arte, con Eleonora Farina, che dal 29 novembre al 31 gennaio 2019 porta negli spazi del Petit Palais al Museo Nazionale del Bardo di Tunisi una selezione di opere dalla collezione del MAXXI, dopo la prima tappa a Villa Audi - Mosaic Museum di Beirut. Il progetto fa parte del programma culturale di promozione integrata del Maeci 'Italia, Culture, Mediterraneo' per i Paesi dell'area del Medio Oriente e del Nord Africa nel 2018, a Tunisi, realizzato in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia in Tunisia e l'Istituto Italiano di Cultura di Tunisi. 'Classic Reloaded' propone la rilettura e rivitalizzazione di un patrimonio identitario comune, una base culturale e artistica dalla quale è possibile ripartire per riprendere un dialogo, per facilitare quella comprensione tra i popoli oggi più che mai necessaria, vero antidoto a ogni fondamentalismo. La mostra vuole rappresentare, attraverso 20 opere di 13 artisti italiani parte della collazione del museo, la cultura del "mare che sta tra le terre", quella autonomia culturale ma nello stesso tempo apertura all'altro, coesistenza tra popoli, rapporto tra locale e globale, che da sempre caratterizza le nazioni del Mediterraneo. Le opere dialogheranno con le decorazioni ornamentali di influenza tunisina, andalusa e turca del Petit Palais, la villa ottocentesca costruita da Hussein Bey II come regalo per la figlia, successivamente smontata dalla medina e ricostruita al Museo del Bardo. La relazione con gli splendidi spazi del museo tunisino rende ancora più forti la citazione della tradizione bizantina del fondo oro di Senza Titolo di Gino De Dominicis, o il riferimento ironico alla mitologia romana di Lapsus Lupus di Luigi Ontani.

Informazioni

Data: Da Gio 29 Nov 2018 a Dom 31 Mar 2019

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura Tunisi

Ingresso : Libero


Luogo:

MUSEO DEL BARDO

533